Se anche tu possiedi una marea di cose che non utilizzi, e che nel tempo hai accumulato in ogni angolo della tua casa, pensando che

“Un domani possono sempre servire…”

Se anche tu hai comprato un oggetto che sembrava fatto apposta per te ma che poi si è dimostrato inutile, sbagliato o non adatto alle tue esigenze…
Se anche tu vuoi riordinare le tue stanze e devi disfarti di qualcosa che fino ad oggi ha preso soltanto polvere…
…e stai cercando un modo per poter rivendere i tuoi oggetti usati…

Complimenti, la tua ricerca finisce qui!

"Ecco come puoi sfrattare quegli intrusi che occupano abusivamente i tuoi spazi,
come trasformarli in preziosi tesori e
guadagnare soldi nuovi, grazie ai quali potrai finalmente dire addio a spese inaspettate e acquistare tutto quello che ti servirà davvero!"

Tutto questo senza dover pubblicare annunci, fare trattative o spedire pacchi, affidandoti ad un metodo sicuro ed automatico, che non richiede il tuo intervento e che trasferirà nelle tue tasche nuove banconote, anche mentre stai dormendo o sei davanti alla tv!

 

SecondaMano è l’unico negozio in cui guadagni più di quanto spendi, e TU stai per scoprire come entrare e farne parte!

Caro lettore,
Mi chiamo Gianluca e da diversi anni mi occupo di trasformare oggetti usati in soldi nuovi.

Grazie a questa lettera, che ho scritto apposta per TE, scoprirai come anche tu puoi trarre innumerevoli vantaggi da questa mia attività.

Se mi concederai cinque minuti del tuo tempo, non solo scoprirai come vendere ciò che non usi, rendendo la tua casa più spaziosa e accogliente…

…ma anche come guadagnare soldi nuovi, da spendere come ti pare, senza dover pubblicare annunci, fare trattative e spedire pacchi…

 

Prima di tutto, vorrei raccontarti del giorno in cui ho deciso di dare una seconda chance a tutto ciò che possedevo e che nel tempo avevo conservato in ogni angolo della mia casa…

… e di come ho sviluppato un metodo sicuro ed automatico, che mi ha permesso di trasformare le mie vecchie monetine in nuove banconote!

Tutto è cominciato circa sei anni fa, vivevo in un piccolo bilocale ed ero abituato ad accumulare tutto ciò che comperavo o che mi veniva regalato.

Soffrivo di una sindrome da shopping compulsivo, buona parte dei miei risparmi era finalizzata all’acquisto di qualcosa che attirava la mia attenzione e che in quel momento mi sembrava utile.

Era sufficiente una giornata al centro commerciale per svuotare il portafoglio e riempire il bagagliaio della mia auto.

Accessori per la casa, servizi di bicchieri, piatti e posate, piccoli elettrodomestici, utensili e strumenti, telefonini, portaritratti, quadri, lampade e lampadari, souvenir e oggettini che servivano soltanto per riempire spazi vuoti.

Compravo tutte quelle cose, le usavo per un po’ di tempo e poi le accantonavo, pensando che prima o poi mi sarebbero tornate utili.

Questa consuetudine portava la mia casa ad essere sempre più disordinata, disorganizzata e a tratti impraticabile.

Quando cercavo qualcosa di specifico non riuscivo mai a trovarlo, o per scoprire dove era andato a finire dovevo prima spostare altre centinaia di cianfrusaglie.

La mia quotidianità era decisamente compromessa, non mi sentivo libero di invitare ospiti, mi preoccupavo del giudizio degli altri e i pochi amici che venivano a trovarmi rischiavano spesso di inciampare o di rompere qualcosa.

A volte organizzavo una cenetta a lume di candela da dividere con la mia lei, che non perdeva l’occasione per farmi notare quanto avrei potuto essere un marito insopportabile.

Cercavo di ordinare tutta quella roba, ma c’era sempre quel qualcosa che non si trovava mai nel posto giusto, tanti oggetti che non mi servivano, regali che tenevo conservati ma che non mi erano mai piaciuti.

Quando proprio avevo i nervi a fior di pelle prendevo tutte quelle cose e le inserivo in qualche scatolone, per poi nasconderle in soffitta, in qualche armadio o giù in garage.

In questo modo tamponavo la situazione ma non risolvevo quel problema, in quanto:

  • Per un motivo o per un altro, quegli oggetti rispuntavano fuori dal nulla
  • Nel frattempo, avevano soltanto preso polvere e
  • Impegnavano comunque e inutilmente un determinato spazio

Era davvero frustrante, più tempo passava e più mi chiedevo se sarei mai stato capace di prendere quelle cose e levarmele di torno una volta per tutte.

Molte cose che finivano in quei cartoni erano ancora nuove, ragion per cui solo l’idea di buttarle nell’immondizia mi creava un enorme senso di colpa.

E nel frattempo le spostavo ovunque, prima le conservavo, poi riaprivo gli scatoloni e le riprendevo, le sistemavo e le appoggiavo dove potevo.

Ed era di nuovo il disordine in giro per casa, a farla da padrone.

Ad ogni modo, pensavo che quel tipo di situazione non sarebbe mai degenerata, in fondo vivevo da solo, non dovevo “dare conto” a nessuno.

Ma per Antonietta, una mia cara cugina, che in quel periodo aveva i miei stessi problemi, non è andata proprio così.

Lei e il suo fidanzato si erano appena sposati e avevano traslocato moltissimi dei loro effetti personali nella loro nuova casa.

Non vedevano l’ora di dimostrare a tutti che c’erano riusciti, che avevano realizzato il sogno di una vita, e avevano invitato i genitori per un pranzo in famiglia.

Durante quel pranzo filava tutto liscio come l’olio, fino a quando sua suocera trovò un motivo più o meno logico per criticarla, rovinando quella giornata così speciale per loro.

Con noncuranza di tutti i presenti si rivolse a lei dicendole:

“Sei bravina in cucina, ma hai bisogno di una colf per tenere in ordine questa casa!”

Un’affermazione decisamente fuori luogo, che l’ha offesa e l’ha fatta sentire ferita nel suo orgoglio.

Dopotutto, quale donna vorrebbe sentirsi dire di “non essere all’altezza”?

Quando mi raccontò questo triste episodio, l’unico consiglio che ero riuscito a dargli per evitare altre discussioni era di prendere tutto ciò che non usava e inserirlo nel cassonetto dei rifiuti più vicino.

No, non le consigliai di conservare tutto in garage.

Nemmeno a me stesso ho dato più questo consiglio, da quando parcheggiando la mia auto in garage ho urtato uno scaffale, sul quale erano appoggiati alcuni scatoloni, che sono precipitati sul cofano della mia auto e mi hanno costretto a spendere centinaia di euro dal carrozziere.

Un prodotto che non usi, che accantoni, che conservi, e che rimane per giorni, settimane, mesi e forse anni a prendere polvere, non si smaterializza da solo.

Puoi far finta che non esiste, puoi dimenticarti di averlo comprato, puoi farlo diventare un lontano ricordo, ma non hai una bacchetta magica per farlo scomparire o renderlo invisibile.

Puoi disfartene, puoi regalarlo, buttarlo, o puoi trasformarlo in qualcosa di valore, portandolo in un luogo adatto.
Questo luogo non è una cantina, non è un sottotetto, non è un armadio chiuso a chiave, e men che meno è il tuo garage, che è il riparo per la tua auto.

O per qualcos’altro che sai di poter utilizzare ogni tanto, come una motocicletta, un albero di Natale o l’ombrellone per il mare.

Se decidi di allestire uno spazio per conservare tutto ciò che non usi più, con il presupposto che “Un domani può essere utile…”, ti troverai in breve tempo circondato da scaffali, ripiani, armadietti e bauli, che ti impediranno di muoverti liberamente e ostacoleranno le tue normali attività.

Puoi usare il tuo garage come un piccolo magazzino, parcheggiare la tua auto nuova di zecca all’aperto, sotto le intemperie e alla portata di loschi individui.

O puoi parcheggiare la tua automobile nel suo posto e cercare di tenere tutto in casa.

Supponiamo che la casa in cui vivi è abbastanza grande, dove c’è spazio per tutto e per tutti e non c’è bisogno di scendere roba in cantina.

Ti è mai sembrato che nella tua casa, nonostante fai di tutto per tenerla ordinata, c’è sempre qualcosa che non si trova mai al posto giusto?

Forse è proprio perché quell’ oggetto, che non usi da molto tempo, viene continuamente spostato a destra e a sinistra, non trovando mai un buon motivo per stare in quel luogo.

Ti ritrovi sempre tra le mani quel barattolo per il caffè che non hai mai riempito, i portaritratti che non si intonano più con i tuoi nuovi mobili, quel servizio di piatti che non ti è mai servito, la play station che i tuoi figli hanno abbandonato da parecchio tempo, quella gioconda appesa al muro che non ha mai fatto altro se non guardarti…

In ogni casa ci sono tante cose che servono sempre, e un mucchio di cose che non servono a niente.

Se anche tu in passato hai comprato una marea di cose, e ti sei poi ritrovato a conservarle chissà dove, regalarle a chissà chi, o buttarle via con dispiacere quando erano ormai inutili, sappi che non hai fatto nulla di sbagliato, perché nessuno ti ha mai potuto offrire una valida alternativa.

Sarà successo anche a te di organizzarti per passare una giornata al centro commerciale, entrare nei negozi e cominciare ad ammirare tutti quei prodotti esposti.

Io entro spesso in punta di piedi, giusto per “dare un’occhiata”, e cerco sempre di sfuggire a tutti quei cartellini esplosivi che annunciano “OFFERTA”, “SCONTO”, “NUOVI ARRIVI”.

A volte però, mi capita di incontrare qualcosa che attira la mia attenzione e anche se cerco di resistere alla tentazione di portarmela a casa, la simpatia di una commessa riesce sempre a non lasciarmi uscire a mani vuote.

Convinto di aver fatto un buon acquisto, saluto e ringrazio, esco dal negozio e mi avvio verso casa sperando di poter provare al più presto quel mio nuovo gingillo.

Solo dopo aver provato quel prodotto, messo in funzione o piazzato dove volevo che fosse, mi rendo conto che non faceva proprio al caso mio, non era proprio adatto alle mie esigenze, non si intonava all’arredamento di casa mia o non soddisfava pienamente le mie aspettative.

“Ecco, lo sapevo, questa cosa non mi serve a niente! Soldi buttati come al solito!”

E mi ritrovo ad accantonare quegli oggetti in soffitta, in garage, sotto il letto o chiusi a chiave dentro un armadio. Non è importante dove, è importante nascondere quei corpi del reato e con loro i soldi che ho sborsato.

Quante volte è capitato anche a te di avere la stessa seccatura?

Siamo costantemente bombardati da messaggi pubblicitari, sul mercato esistono migliaia di prodotti diversi uno dall’altro, ti basta entrare in un qualsiasi negozio per non sapere da che parte cominciare a guardare.

Industrie, venditori e commercianti competono tra loro e sognano il momento in cui scambieranno quei prodotti con i tuoi risparmi, cercano incessantemente di sfilarti quel denaro che mai avresti speso, se non per qualcosa che ti serviva veramente.

Compri un oggetto che sembra perfetto per le tue esigenze, che scegli perché pensi ti sarà utile, pensi che le sue caratteristiche sono eccezionali e potranno migliorare la tua vita quotidiana.

Poi torni a casa, lo provi, lo sistemi dove ritieni opportuno, e ti accorgi che non era ciò che cercavi, non è del colore giusto, non ha tutte le funzioni che volevi, non è fatto su misura per te.

Ti rendi subito conto che hai speso dei soldi, che ti potevano servire per mille altre cose, non sai con chi prendertela e vuoi evitare di stendere per l’ennesima volta un velo pietoso su quello che ti è appena successo.

Quindi, sperando che chi ti ha venduto quel prodotto comprenda il tuo stato d’animo, ti metti in macchina e anche se hai altri impegni torni a quel negozio e provi a spiegare al commesso che per essere sicuro del tuo acquisto dovevi confrontare quel prodotto con qualcosa che avevi, o per sapere se avrebbe davvero fatto al caso tuo dovevi tenerlo in prova almeno qualche giorno.

Risultato?

Un bagaglio di espressioni tipiche di chi non ha alcun interesse a restituirti i soldi che hai speso e che ti spettano di diritto!

“Ho già battuto lo scontrino…”

“Non posso darti i soldi indietro…”, e

“La merce non si cambiah!”.

E ti ritrovi ad accantonare quegli oggetti in soffitta, in garage, sotto il letto o chiusi a chiave dentro un armadio. Non è importante dove, è importante nascondere quei corpi del reato, e con loro i soldi che hai sborsato.

Io li nascondevo in ogni angolo della mia casa, dove trovavo posto, dove non mi davano fastidio e dove sapevo che non li avrei riavuti tra le mani.

Ho provato a pensare parecchie volte a come proporli a qualcuno, venderli e guadagnarci così un po’ di soldi, quelli sì che mi sarebbero stati utili, ma nel momento in cui pensavo che sarebbe stata una soluzione efficace, mi ponevo sempre la stessa domanda:

A chi? Chi poteva essere interessato a quei prodotti?

Non potevo fare una televendita, e nemmeno mettermi a suonare campanelli ovunque.

Le persone faticano a ricevere i testimoni di Geova, figuriamoci se aprivano a me sconosciuto con l’intento di vendere un libro usato o una playstation.

Se stai cercando un modo semplice per guadagnare soldi extra, per arrotondare il tuo stipendio, per affrontare le tue spese o per riuscire a prenotare la vacanza che hai sempre sognato, questa lettera ti aiuterà a realizzare tutto questo.

Anche tu hai un costante e irrefrenabile bisogno di denaro?

Ti capisco, anche io ho la stessa esigenza, per almeno trenta giorni al mese.

Abbiamo bisogno di soldi come un motore ha bisogno di benzina, per percorrere una strada e raggiungere una meta.

A volte pochi, a volte tanti.

I soldi sono il passaporto per i nostri viaggi, condizionano la nostra vita e le scelte di tutti i giorni.

Devi fare la spesa? Hai bisogno di soldi. Devi pagare la rata del mutuo? Ti serve denaro. Lo stesso che lasci in posta quando arriva la bolletta della luce.

Hai lavorato tanto quest’anno, e decidi che è giusto prenderti una vacanza, vuoi viaggiare, rilassarti, visitare angoli di paradiso, fare escursioni, stenderti al sole su una magnifica spiaggia tropicale.

Indovina un po’ per tutto questo che ti serve?

Soldi! Nulla di più difficile.

E non sono mai abbastanza. Non ho mai sentito qualcuno che andasse in giro a dire “Ho troppi soldi”.

Ogni giorno siamo tormentati da qualcosa che ci serve, che vogliamo avere, che ci aiuterebbe a migliorare la nostra vita quotidiana.

E’ brutto dirlo, ma c’è poco da girarci intorno, il mondo intero si muove intorno ai soldi.

E’ questo che la vita mi dimostra, e a me piace guardare in faccia la realtà.

Abbiamo bisogno di denaro oggi più di ieri e meno di domani, e spesso ciò che guadagniamo lavorando non ci basta mai.

E vendere ciò che non usi più e che rimane dentro casa tua per giorni, mesi e a volte anni, non è un buon modo per guadagnare denaro?

Io a mio modo ci provavo, all’epoca esisteva (ed esiste tuttora) un sito internet nel quale si possono pubblicare annunci, grazie al quale puoi fare una trattativa con qualcuno interessato a ciò che vuoi vendere.

E’ un buon metodo, se consideri che le alternative sono:

  • Buttare via quella roba, che magari è ancora in buone condizioni e può essere riutilizzata
  • Regalare quegli oggetti ad un parente o ad un amico, che il più delle volte non sa cosa farsene, e rischiare così di fare un regalo sbagliato
  • Fare una tentata vendita di quegli oggetti rivolgendoti a qualcuno che non li sta cercando in quel momento e sentirti dire “Grazie ma non so che farmene” oppure “Te lo pago ma di meno, perché non so se mi servirà”.

Pubblicare però un annuncio su internet non è semplice, o meglio, quello che non è assolutamente facile è dedicarsi a tutto ciò che viene dopo.

Spesso e volentieri, quando pubblicavo un annuncio, mi ritrovavo quasi inconsapevolmente a:

  • Rispondere al telefono in continuazione e discutere su prezzo, misure, condizioni, efficacia, anni di vita, ecc… quando lavoravo, ero impegnato in altre cose o mi stavo concedendo un momento di relax
  • Ricevere messaggi a qualsiasi ora del giorno e anche della notte, essere disturbato mentre dormivo o ero in compagnia della mia anima gemella, che sospettava di una mia relazione clandestina
  • Ritrovarmi a fare da traduttore, per dialogare con qualcuno che non parlava la mia stessa lingua, e non riuscire a capire una sola sillaba di quello che pronunciava
  • Fissare appuntamenti e dover spostare i miei di impegni, per aspettare un tizio, e imprecare quando tardava o peggio, non si presentava
  • Fare da navigatore o da accompagnatore a qualcuno che non era in grado di trovare il mio indirizzo, ritrovarmi in mezzo al traffico e fare da tassista a gratis
  • Fare la fila in posta e perdere mezza giornata per spedire un pacco, che spesso mi costava più di quanto avevo previsto
  • Rischiare di essere truffato da individui sconosciuti che cercavano di raggirarmi con la scusa di aver dimenticato il portafoglio in macchina, o che mi pagavano con soldi falsi
  • Essere stato derubato dopo aver fatto entrare in casa mia un delinquente, che dopo essersi impossessato del mio computer, mi ha minacciato di farmi del male se l’avrei inseguito o chiamato la polizia.

 

Per quanto possa sembrarti strano, io ho avuto a che fare con OGNUNO di questi imprevisti, che ho completamente evitato da quando ho smesso di mettere annunci con i miei riferimenti privati.

Parlando con i miei amici, a volte anche a loro succedeva di dover trascorrere momenti spiacevoli più o meno simili a questi.

Ricordo che uno di loro era stato addirittura truffato dopo aver rivelato i suoi dati personali e del suo conto in banca ad un estraneo, che diceva di averne bisogno per versargli il pagamento della sua cucina usata.

Internet è una risorsa utile, efficace e a volte indispensabile, ma solo se sai come utilizzarla.

Io ho sempre pensato ad un oggetto usato come a una ricchezza nascosta, come a un tesoro prezioso che nel tempo veniva abbandonato in chissà quale luogo.

Ho acquisito le mie prime esperienze partecipando a mercatini ambulanti, grazie ad un mio caro zio, un commerciante oramai in pensione che passava le sue giornate a barattare chincaglierie e piccoli tesori di altri tempi.

Fino a un po’ di tempo fa, vendere i propri oggetti usati era difficile, chi voleva proporre a qualcun altro ciò che voleva vendere doveva impegnarsi personalmente e non tutti potevano farlo.

Ma io ero sicuro che da qualche parte c’era un modo per trasformare questo processo antiquato in una nuova opportunità, non solo per me e per le mie cose, ma per tutti coloro che avrebbero avuto il mio stesso problema.

E questo mi ha portato a sviluppare un metodo automatico, sicuro e redditizio per vendere oggetti usati, e a implementare tutto questo in un vero e proprio negozio, nel quale anche tu potrai portare tutto ciò che ha smesso di esserti utile!

Ho progettato tutto questo per dare anche a te questa opportunità, per liberarti da tutto ciò che non usi più e che può essere rivenduto, e che ti permetterà di guadagnare denaro, da spendere come ti pare.

Uno dei tanti vantaggi di un negozio dell’usato è che non devi per forza vendere un solo prodotto per volta, ma puoi portare più oggetti, tutto ciò che hai indistintamente, e oltre a questo:

  • NON dovrai metterti a pubblicare annunci e ricevere telefonate giorno e notte, dialogare con persone interessate a ciò che hai da vendere, fare trattative, barattare e innervosirti se ti faranno offerte inferiori alle tue aspettative
  • NON dovrai essere disturbato quando lavori o quando ti riposi, non ti arriveranno notifiche/sms/richieste varie alle quali dovrai rispondere
  • NON dovrai spiegare caratteristiche, misure o particolarità dei tuoi oggetti, tradurre parole e concetti che non conosci e trovare il modo di illustrare nel dettaglio quello che stai vendendo
  • NON dovrai renderti disponibile, fissare appuntamenti, spostare i tuoi impegni, aspettare qualcuno e impegnare il tuo tempo per dedicarti alle trattative
  • NON dovrai cercare scatole, impacchettare oggetti, andare in posta per spedirli, fare la fila e perdere almeno un’ora del tuo tempo per fare questa operazione
  • NON dovrai ricevere persone che non conosci e farle entrare in casa tua (e questo credimi è importantissimo), rischiando di essere truffato, derubato o minacciato per qualsiasi motivo.

Non sarà richiesto alcun impegno da parte tua, potrai portare quando vuoi e quando puoi tutto ciò che vorrai vendere, lasciare in esposizione questi oggetti in un negozio adatto e ritornare solo a prendere il rimborso di ciò che io e il mio staff venderemo per te.

La vendita dei tuoi articoli verrà registrata e il tuo rimborso sarà sempre disponibile, anche dopo molti mesi dall’avvenuta vendita, guadagnerai denaro in modo semplice e totalmente sicuro.

Ti allego qui di seguito un immagine del nostro programma gestionale che conferma tutto quello che ti ho appena detto:

vendi e guadagna

Come puoi vedere, gli articoli venduti a luglio, settembre, ottobre, novembre e dicembre sono stati registrati. Il rimborso per la vendita di quegli oggetti è stato fatto a dicembre e chi li ha portati ha incassato ciò che aveva guadagnato.

Non c’è nulla di più vero in tutto questo, ma voglio lasciare la parola ad alcuni dei miei già clienti, che ti parleranno dei risultati che hanno già ottenuto;

vendi e guadagna

“Ottimo negozio di compravendita, prezzi onesti e servizio del titolare eccellente, sempre disponibile a valutazioni, consigli ed esperto su tutto ciò che gli si chiede a riguardo di materiali ed oggetti vari”

Michele Puzzolante

 

vendi e guadagna

“Staff perfetto, gentile, cordiale, gente disponibile, riescono a trovare una soluzione sempre a tutto, andando incontro al cliente per le più svariate richieste. Servizio e rapporto qualità prezzo: ECCELLENTE. Consiglio vivamente!

Sara Ciavarella

 

vendi e guadagna

“E’ un ottimo servizio che permette di riutilizzare dei prodotti(scelti accuratamente dallo staff) che possono sempre servire ad altri. Sono rimasta soddisfatta dei servizi offerti.”

Ilaria Sclafani

 

vendi e guadagna

“Sono stata una delle prime clienti, la merce era ben selezionata e i prezzi dati corrispondevano ad una giusta valutazione. Competenza – trasparenza – onestà e puntualità, requisiti ottimi. Serietà e presenza costante.”

Emanuela Savino

Ti ho scritto questa lettera perché voglio che anche tu, come loro, possa estrarre le pepite più preziose da questa mia miniera d’oro.

Voglio che i tuoi oggetti, le cose che non usi e che in passato hai pagato con il sudore dei tuoi sforzi, ritornino ad avere il valore che meritano e che questo mio sistema ti permetta di incassare fiumi di denaro.

 

Ho dedicato gran parte del mio tempo e delle mie risorse per rendere questo processo il più automatico possibile, in modo tale da permetterti di usufruirne con la massima semplicità;

Se vorrai dare ai tuoi oggetti usati una seconda opportunità, senza dover pubblicare annunci e dialogare con sconosciuti, potrai portarli in ogni momento nel nostro negozio.

Solo per la prima volta, ti chiederemo di autorizzarci a venderli per conto tuo, firmando un semplicissimo mandato di vendita, un modello simile ad un contratto, che però non ha alcun vincolo particolare, nessuna clausola misteriosa, nessuna “scritta in piccolo”.

Tutto quello che ti sto spiegando ti verrà illustrato nel dettaglio in quel momento.

Se qualcuno acquisterà un tuo prodotto, verrà registrata in automatico la vendita e il tuo rimborso, che potrai riscuotere in ogni momento, quando avrai tempo libero e vorrai tornare a trovarci.

Tutto questo senza che tu compia il minimo sforzo, non verrai interpellato per applicare riduzioni di prezzo, sconti o “pagamenti rateali”.

Affidandoci i tuoi articoli, potrai beneficiare di:

  • Un metodo semplice e veloce per liberarti in breve tempo delle cose che non usi, che occupano i tuoi spazi e che ti impediscono di fare ordine in casa
  • Un sistema sicuro e garantito che ti permetterà di vendere i tuoi articoli senza rischiare di veder svanire il ricavato delle tue vendite
  • Un locale adatto e attrezzato per ospitare e valorizzare i tuoi oggetti, anziché nasconderli nei luoghi più oscuri della tua casa, dove occupano soltanto spazio e non ti permettono di muoverti liberamente
  • Un “grande contenitore” che ti evita di sentirti in colpa per aver buttato qualcosa per cui hai sborsato i tuoi risparmi, e che era ancora troppo nuovo per finire nell’ immondizia
  • Un vero e proprio “Bancomat”, che ti permetterà di guadagnare soldi, per affrontare delle spese impreviste o per pagarti la vacanza che hai sempre sognato.

Domanda da un milione di euro: Tutto questo ha un costo???

Si, è ovvio che non siamo qui per fare beneficienza, tutto questo ha naturalmente un costo, e te lo rivelerò tra poco.

Ma non preoccuparti, vedrai che il prezzo sarà più basso di quanto pensi!

Specialmente se incluso in quest’offerta c’è uno speciale BONUS , che ti descriverò a breve!

Quando ho aperto il mio negozio, alcune persone mi avevano consigliato di “affittare” questo servizio, chiedere una quota fissa, cioè applicando una tariffa giornaliera, per ogni prodotto preso in carico.

Una sorta di “affitto per l’esposizione”, se hai mai avuto a che fare con contratti di locazione sai cosa intendo.

Avrei potuto sviluppare questo modello, sarebbe stato indubbiamente più redditizio, ma in questo modo un cliente avrebbe dovuto comunque corrispondermi un pagamento per aver esposto i suoi prodotti, anche se non si sarebbero venduti.

E’ quello che offrono i siti internet, ti affittano determinati spazi pubblicitari, ti offrono pacchetti per “aumentare la visibilità”, “mettere in vetrina”, “pubblicare la tua inserzione in cima alla classifica…”

Se poi non vendi quel prodotto, quel servizio lo hai pagato a vuoto.

E quello che ho imparato grazie alle mie esperienze e ai miei errori sono anche i “costi nascosti”, tutte quelle spese che non si vedono ma che ci sono, in termini di tempo, disponibilità e scarsi risultati, dopo aver tentato di promuovere un prodotto senza avere gli strumenti giusti.

Il BONUS che ti ho accennato prima è questo:

Anche io e i miei collaboratori utilizziamo internet come strumento imprescindibile e fondamentale per la nostra attività, per pubblicizzare un offerta, un articolo, o per interagire con un acquirente interessato a un oggetto.

Gli articoli più particolari, interessanti e richiesti, vengono pubblicati sulla nostra pagina Facebook (che conta più di 10.000 iscritti), sul nostro sito web e su alcuni portali di annunci online.

In questo modo riusciamo a raggiungere molte più persone a cui rivolgere le nostre offerte, e la vendita dei tuoi prodotti viene accelerata in modo esponenziale!

Tutto questo “incluso nel prezzo”.

Ricapitolando, potrai approfittare di:

  • Un servizio di valutazione e stima del prezzo dei tuoi articoli, basato sul loro valore effettivo, sulle loro condizioni e sulla richiesta di mercato
  • Un negozio specializzato nell’esposizione dei tuoi prodotti, accessibile e aperto al pubblico, che amplifica il valore del tuo usato
  • Un sistema automatico che ti permetterà di vendere i tuoi oggetti, che non necessita del tuo intervento o della tua presenza fisica
  • Una garanzia di sicurezza per te e per i tuoi cari, che ti eviterà di ritrovarti ad affrontare situazioni spiacevoli con persone che non conosci
  • Un metodo redditizio che ti permetterà di guadagnare denaro contante dalla vendita dei tuoi oggetti, in maniera facile e veloce.

Quanto può valere tutto questo, se aggiungi anche la mia esperienza, il tempo dedicato al miglioramento, le prove e gli errori che io ho già affrontato e nei quali tu non dovrai imbatterti per nessun motivo?

A pensarci bene, chiedere una “quota fissa” per l’esposizione dei tuoi oggetti, a prescindere se vengano venduti o meno, sarebbe più che lecito…

Considerando però che il mio lavoro si fonda su altri princìpi, ho il piacere di informarti che, da un certo punto di vista, tutto questo per te sarà assolutamente GRATUITO!

Si, non sto scherzando, non sborserai un centesimo, e ti spiego il perché.

Guadagneremo entrambi, tu ed io, SOLO ed ESCLUSIVAMENTE se la vendita dei tuoi prodotti andrà a buon fine.

Se riusciremo a vendere i tuoi articoli divideremo il ricavato in parti uguali, tu guadagnerai il 50 % del prezzo di vendita come rimborso, a noi spetterà il restante 50% come provvigione per l’avvenuta vendita, il nostro compenso per il lavoro svolto.

Non avrai alcun costo da sostenere, non ti verrà richiesto di sborsare nulla, non dovrai anticipare eventuali “spese”, ci faremo noi carico di coprire i costi per l’esposizione e per l’ordinaria amministrazione.

E se gli articoli che lascio in esposizione non vengono venduti?

E’ un rischio reale, che dobbiamo essere disposti a correre. Non possiamo avere la certezza assoluta che tutto ciò che porterai verrà venduto con successo.

Alcuni prodotti potrebbero non essere così fortunati da riuscire a trovare un nuovo proprietario, ed è qui che entra in gioco la mia

Garanzia 100% ZeroRischio:

Questa speciale garanzia, in realtà prevede due eventualità:

#1: GARANZIA DI INVENDUTO:
Se i tuoi articoli non vengono venduti, non ti sarà comunque richiesto nessun addebito, nessun esborso di denaro per averli esposti, come ti ripeto, il nostro compenso matura SOLO se un oggetto viene venduto.

#2: GARANZIA DI RIPENSAMENTO:
Se per qualsiasi motivo intendi ritirare gli oggetti che hai lasciato, non ti verranno addebitate in alcun modo spese di gestione o fantomatiche penali per “recesso anticipato”. Sei il legittimo proprietario dei tuoi articoli e hai il diritto di riprenderli in ogni momento, sempre se ovviamente non sono stati già venduti.

Quest’offerta però, purtroppo non è destinata a durare a lungo nel tempo. Riceviamo ogni giorno tantissimi articoli e lo spazio per esporli è sempre più limitato.

Poco tempo fa abbiamo aggiunto altri scaffali, ma non sappiamo quando anche questi verranno riempiti.

Come è già successo, mi sono spesso trovato costretto a dover sospendere il ritiro di molti prodotti, non avendo spazio utile per sistemarli, non mi stupirei quindi se tra qualche settimana al massimo dovesse accadere di nuovo.

E sono sicuro che ti darebbe un enorme fastidio preparare e inscatolare cose che non ti servono e che avevi deciso di togliere dalla tua casa e sentirti dire che dovrai riportarle più avanti perché in quel momento non le potremo tenere.

Oltretutto, più riceviamo oggetti e più vengono sistemati dove troviamo spazio, e non vorrei andare a mettere proprio i tuoi in un angolino poco illuminato.

Conservare un oggetto che non usi, nasconderlo da qualche parte o buttarlo nella spazzatura, non sarà una soluzione che ti farà guadagnare denaro e che ti sarà sicuramente utile.

Sono qui per aiutarti ad affrontare la vita in un modo migliore, per non farti pesare le spese di tutti i giorni, per dare valore a ciò che possiedi e per trasferire tutto questo direttamente nelle tue tasche.

Se sei ancora in dubbio sul valore che potrebbero avere i tuoi oggetti usati, qui di seguito potrai vedere alcuni esempi dei rimborsi che diamo ai nostri clienti in pratica ogni giorno:

vendi e guadagna
vendi e guadagna
vendi e guadagna
vendi e guadagna
vendi e guadagna

 

Se deciderai di affidarti a me e al mio staff per vendere i tuoi articoli, anche tu potrai trarre enormi vantaggi da questo sistema testato e garantito.

Finalmente potrai liberarti da tutto ciò che non usi più e che per un motivo o per un altro hai accantonato da qualche parte, senza sapere se ti sarebbe di nuovo servito.

Potrai dire addio a scatoloni, sacchi e contenitori di ogni genere, potrai riuscire a rendere la tua casa più organizzata, accogliente e ordinata.

Grazie a questo sistema i tuoi oggetti saranno custoditi in un luogo sicuro, riacquisteranno valore e verranno venduti nel più breve tempo possibile e senza che tu debba impegnarti personalmente.

Ci penserà l’esposizione e la nostra esperienza a fare tutto il lavoro per te. Più porterai prodotti e più guadagnerai denaro, che ti aiuterà a pagare la prossima bolletta o a fare il pieno alla tua auto!

Saremo noi ad impegnarci per mettere i tuoi oggetti sotto i riflettori, saremo noi a gestire le richieste di potenziali acquirenti e ci occuperemo noi del trasporto o della spedizione, qualora sarà necessaria.

Non avrai costi da sostenere, tutto questo sarà per te GRATUITO e quando passerai a ritirare il rimborso, avrai anche tu la sensazione straordinaria di aver GUADAGNATO anziché speso, grazie a qualcosa che non ti serviva e che mai avresti pensato di riuscire a vendere.

Se avrai ancora bisogno di qualcosa che ci hai lasciato, sarai libero di ritirare i tuoi oggetti in qualsiasi momento, senza fantomatiche penali o spese per averli esposti.

Da oggi anche tu hai l’opportunità per dare una seconda chance a tutto ciò che non usi più e che potrebbe riacquistare valore se deciderai di trasferirlo nel posto giusto.

Fai spazio in casa tua, trasforma le tue “cianfrusaglie” in preziosissime banconote, aggiungi centinaia di euro base mese al tuo stipendio e dimenticati in un batter d’occhio di tutte quelle spese che ti costringono a risparmiare su ogni cosa, fino all’ultimo centesimo!

Scopri il mio sistema in 7 semplici passi per trasformare i tuoi oggetti usati in soldi nuovi!

Compila il modulo che trovi qui sotto e scarica GRATIS lo Special Report!

secondamanoblog

 

 

P.S. Finalmente hai l’occasione per vendere in sicurezza tutto ciò che non ti serve più, grazie a questo metodo i tuoi oggetti usati ritorneranno ad avere un VALORE e ti permetteranno di guadagnare anche mentre stai dormendo o sei davanti alla tv.

Non rischierai un centesimo, nulla ti verrà richiesto per esporre i tuoi oggetti.

Potrai tra l’altro ritirarli quando vuoi, senza vincoli o limitazioni.

Non dovrai fare nient’altro, questo è un metodo progettato e testato per essere per te il più automatico e redditizio possibile.

P.P.S. Puoi prendere tutto ciò che non usi e trasformarlo in denaro contante, che ti sarà indispensabile per acquistare altre cose, o puoi pensare di non avere alcun bisogno di tutto questo.

Puoi prendere i prodotti che hanno smesso di esserti utili e regalarli a chi come te potrebbe non sapere cosa farsene, o inserirli nel primo cassonetto dell’immondizia.

Non avrai alcun riscontro positivo da questa azione, nessun netturbino ti metterà mai una banconota sotto la porta, dopo aver raccolto ciò che avrai classificato come un rifiuto.

Dovrai come sempre attingere ai tuoi risparmi per acquistare ciò che ti serve o che più ti piace.

Una parte del tuo stipendio sarà sempre destinata ad essere utilizzata per far fronte alle tue spese quotidiane, dovrai come sempre alleggerire il portafoglio per poter mettere benzina alla tua auto.

Potrai fare affidamento sulla sola cifra del tuo conto corrente, potrai continuare a comprare ciò che vorrai soltanto se avrai sufficiente denaro per poterlo fare.

Non lasciare che questo accada, approfitta di quest’occasione adesso, prima che sia troppo tardi.

Compila questo modulo, scarica ora lo Special Report e scopri quanto può essere facile guadagnare vendendo tutto ciò che non usi più!

secondamanoblog

 

Facebooklinkedin